Cosa fare se il backup su Time Machine fallisce

Niente. So che potreste pensare che fare il backup su Time Machine sia affidabile, utile e comodo. Ma fidatevi, non fate un solo backup ai vostri computer e hard disk o SSD (questa è una regola generale e non riferita solo a questo evento in particolare)..

Potrebbe capitarvi una schermata del genere (a me è apparsa giusto qualche mese fa):

To improve reliability, Time Machine must create a new backup for you

L’unica è cercare di spulciare file per file per trovare quello che vi serve ma comunque il vostro backup è da buttare e non ci sarà modo di ripararlo (l’indice a quanto pare si è sfalsato e dovrete ricrearlo). Anche se è magari un anno che andate avanti con lo stesso backup, non c’è storia, dovrete ripartire da zero.

Ancora un’altra volta: fate i backup!

E se volete creare la vostra Time Machine con un semplice Raspberry Pi, beh, seguite questo tutorial.

Come realizzare una Time Machine con un Raspberry Pi

Personalmente vi consiglio un Raspberry Pi Zero W, costa sui 10 euro e ha Wi-Fi integrato. Con l’aggiunta di un hard disk esterno (costo sui 40 euro per 1TB) potrete realizzare una Time Machine per il vostro Mac.

Allora iniziamo con l’aggiornare il Raspberry (qualunque esso sia, presupponendo che abbiate l’ultima versione di Raspian installata):

sudo apt update
sudo apt upgrade
sudo apt install netatalk hdparm

Ora identificate l’UUID del vostro hard disk (anche qua presupponendo che l’abbiate formattato in ext4) e copiatelo:

sudo blkid

Modifichiamo questo file:

sudo nano /etc/fstab

Aggiungendo in fondo (cambiando 0123456789abc con quello copiato prima):

UUID=0123456789abc /media/disk ext4 defaults 0 2

Poi create la cartella dove andrà montato e montiamo l’hard disk:

sudo mkdir /media/disk
sudo chmod 777 -R /media/disk
sudo mount -a

Ora modifichiamo il parametro di spinning dell’hard disk (per evitare di tenerlo sempre attivo anche quando non c’è nulla che scrive):

sudo nano /etc/hdparm.conf

E incollate al fondo questo:

/dev/sda {
spindown_time = 60
}

Poi modifichiamo l’ultima riga di questo file:

sudo nano /etc/netatalk/AppleVolumes.default

Incollando questo (ovviamente se non volete chiamarlo Tardis, dategli il nome che preferite):

/media/disk "Tardis" options:tm allow:pi

Ora aggiungete questo per avere un’icona nel Finder uguale a quella di una Time Capsule:

sudo nano /etc/avahi/services/afpd.service

Incollando questo:

<?xml version="1.0" standalone='no'?>
<!DOCTYPE service-group SYSTEM "avahi-service.dtd">
<service-group>
<name replace-wildcards="yes">Tardis</name>
<service>
<type>_afpovertcp._tcp</type>
<port>548</port>
</service>
<service>
<type>_device-info._tcp</type>
<port>0</port>
<txt-record>model=TimeCapsule8,119</txt-record>
</service>
</service-group>

E riavviate i processi con:

sudo service avahi-daemon restart
sudo service netatalk restart

E voilà, ecco a voi una Time Machine Wi-Fi (o nel caso ethernet) con meno di 50 euro! Che ne pensate?

Dimenticavo, vi dovrete connettere con l’username pi e la password vostra (nel caso non l’abbiate ancora cambiata dovrebbe essere raspberry).

Come creare un server per la Time Machine con Ubuntu

Io vi consiglio Ubuntu Server 17.04 e durante l’installazione mettete la spunta a LAMP server, Samba file server e OpenSSH server.

Fate gli aggiornamenti e installate:

sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade
sudo apt-get install netatalk libc6-dev avahi-daemon libnss-mdns

Se usate un hard disk esterno create la cartella e montatelo:

sudo mkdir /media/usb
sudo mount -t hfsplus -o force,rw /dev/sdb /media/usb

Cambiate i permessi e l’utente (presupponendo che il vostro username sia xserve):

sudo chmod -R 775 /media/usb
sudo chown -R xserve:xserve /media/usb

Ora andiamo a configurarlo:

sudo nano /etc/netatalk/AppleVolumes.default

E al fondo alla penultima riga cambiatela con:

/media/usb "Xserve" options:tm allow:xserve

Poi inserite questo per vedere l’icona dei famosi Xserve:

sudo nano /etc/avahi/services/afpd.service

E incollate:

<?xml version="1.0" standalone="no"?>
<!DOCTYPE service-group SYSTEM "avahi-service.dtd">
<service-group>
<name replace-wildcards="yes">%h</name>
<service>
<type>_device-info._tcp</type>
<port>0</port>
<txt-record>model=Xserve</txt-record>
</service>
</service-group>

Riavviate tutto con:

sudo service avahi-daemon restart
sudo service netatalk restart

Ora connettetevi da macOS (qualunque esso sia), dalle impostazioni selezionate il disco Xserve e il gioco è fatto, potete utilizzarlo come Time Machine facilmente!

Ovviamente il vostro server Ubuntu non deve per forza essere fisico e sempre acceso. Potete benissimo usare una macchina virtuale o un semplice Raspberry Pi.

Come creare una Time Capsule con Raspberry Pi

Se non volete spendere più di 300 euro per una Time Capsule della Apple e volete realizzare la vostra Time Machine personale, seguite questi semplici passaggi (vi consiglio di partire da una versione di Raspbian nuova e pulita):

sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade
sudo apt-get install netatalk libc6-dev avahi-daemon libnss-mdns

Ora aprite questo file:

sudo nano /etc/netatalk/AppleVolumes.default

E al fondo cambiate questa riga (potete anche cambiare percorso nel caso abbiate un hard disk attaccato o una pendrive) con:

/home/pi "Time Capsule" options:tm allow:pi

Ora modificate questo file:

sudo nano /etc/avahi/services/afpd.service

Cancellate tutto e incollate:

<?xml version="1.0" standalone='no'?>
<!DOCTYPE service-group SYSTEM "avahi-service.dtd">
<service-group>
<name replace-wildcards="yes">Time Capsule</name>
<service>
<type>_afpovertcp._tcp</type>
<port>548</port>
</service>
<service>
<type>_device-info._tcp</type>
<port>0</port>
<txt-record>model=TimeCapsule8,119</txt-record>
</service>
</service-group>

Riavviate i servizi e via:

sudo service avahi-daemon restart
sudo service netatalk restart

E… voilà. Davvero! Già finito. Aprite il Finder su macOS e lo vedrete già a lato (Avahi avrà mandato in broadcast dei pacchetti di benvenuto). Ora potete andare sulle impostazioni e configurare il vostro backup!

Come far coesistere AFP e SMB su Raspberry Pi

AFP e SMB detti anche protocollo di rete di Apple e Samba rispettivamente, risultano essere incompatibili. Online sembra che sia impossibile farli funzionare sullo stesso IP o con lo stesso hostname.

Ma a quanto pare (dopo varie sperimentazioni) potete installarvi semplicemente Avahi e configurare due servizi. Ovviamente dovrete aver già configurato entrambi i protocolli e averli attivi (quindi esposti a tutta la rete locale).

Prima di tutto spostatevi dentro la cartella di Avahi:

cd /etc/avahi/services

Che dico, l’avete installato vero? Nel caso:

sudo apt-get install avahi-daemon

Ora create due file:

sudo touch afpd.service smb.service

Nel primo:

sudo nano afpd.service

Incollate:

<?xml version="1.0" standalone='no'?>
<!DOCTYPE service-group SYSTEM "avahi-service.dtd">
<service-group>
<name replace-wildcards="yes">Time Capsule</name>
<service>
<type>_afpovertcp._tcp</type>
<port>548</port>
</service>
<service>
<type>_device-info._tcp</type>
<port>0</port>
<txt-record>model=TimeCapsule8,119</txt-record>
</service>
</service-group>

E nel secondo:

sudo nano smb.service

Incollate questo:

<?xml version="1.0" standalone='no'?>
<!DOCTYPE service-group SYSTEM "avahi-service.dtd">
<service-group>
<name replace-wildcards="yes">%h</name>
<service>
<type>_smb._tcp</type>
<port>445</port>
</service>
<service>
<type>_device-info._tcp</type>
<port>0</port>
<txt-record>model=Xserve</txt-record>
</service>
</service-group>

Ora tornate nel Finder di macOS e vi ritroverete questi due bei device distinti al quale potrete connettervi con i rispettivi account:

Icone di sistema su macOS

Ovviamente le icone potete cambiarle, semplicemente trovavo comodo poter usufruire di un file server e di una Time Machine in rete, a costo praticamente nullo. Alla prossima!