Come controllare se avete il secure boot attivo

Se volete controllare se avete l’avvio protetto, detto anche UEFI: secure boot attivo sulla vostra scheda madre, aprite il terminale ed eseguite:

Confirm-SecureBootUEFI

E se vi uscirà in output True vuol dire che… è attivo!

Un’altra soluzione è aprire le proprietà di sistema:

E verificare alla voce Secure Boot State se è attivo o meno! Nel caso, attivatelo (qui come fare) nelle opzioni della vostra scheda madre.

Come attivare il secure boot

Per Windows 11, oramai lo sapete, bisogna avere il l’avvio sicuro sul vostro pc attivo! La procedura è davvero molto semplice e probabilmente ce l’avete già attivo se avete un Surface o qualche portatile moderno o desktop preassemblato.

Nel caso invece abbiate dubbi, potete entrare nel bios della vostra scheda madre (di solito premendo F2 o DEL) e tra le opzioni di boot, alla voce Secure Boot, selezionate l’opzione di attivarlo.

Da Windows non è possibile attivarlo, bisogna per forza andare tramite BIOS oppure sperare in un aggiornamento software della scheda madre (che comunque andrà fatto manualmente).

Photo by Ashkan Forouzani on Unsplash

Le schede madri di Asus (link Amazon) sono già tutte state aggiornate per supportare Windows 11, quindi hanno già tutto attivo, sia il secure boot che TPM.

Come disattivare la funzionalità Notizie e interessi di Windows

Se anche voi con il nuovo aggiornamento 21H1 di Windows vi siete ritrovati questo nuovo bellissimo tasto sulla taskbar (anche un po’ sgranato a dirla tutta, forse colpa del font scelto da Microsoft) e volete rimuoverlo, ecco a voi come fare!

Nuova taskbar di Notizie e interessi su Windows

Vi basterà premere nella taskbar con il tasto destro, cliccare su News and interests (o Novità e interessi se avete Windows in italiano), proseguire nel menù fino a disattivarlo.

Proprio come nello screenshot qui sotto:

Disabilitare News and interests

Per ulteriori informazioni vi consiglio di vedere la documentazione di Microsoft:

https://support.microsoft.com/it-it/windows/rimani-aggiornato-con-notizie-e-interessi-a39baa08-7488-4169-9ed8-577238f46f8f

Come scaricare Windows 10 gratis direttamente da Microsoft

Se anche voi, come me, state cercando la famosa iso di Windows 10 direttamente dal sito web di Microsoft, vi capisco… è dura trovarla direttamente nei primi risultati di Google.

Quindi direi che vi semplifico la ricerca con un link magico (qui quella in italiano):

https://www.microsoft.com/en-gb/software-download/windows10ISO

La procedura è davvero molto semplice, vi basterà seguire i passaggi indicando la versione che volete scaricare (l’ultima è quella di ottobre 2020).

Screenshot dal sito di Microsoft

Vi scaricherà un file iso grande almeno 5-6 GB da poter poi flashare su una pendrive USB.

Come acquistare una licenza di Windows 10 Pro OEM

Innanzitutto bisogna partire dalla definizione di licenza OEM: Original Equipment Manufacturer. È quella versione che viene installata quando comprate un PC nuovo e può essere utilizzata solamente su quell’hardware.

La versione Retail invece è quella che potete acquistare separatamente e installarla su qualunque computer o macchina virtuale.

Personalmente posso suggerirvi eBay come prima soluzione (ne trovate anche a meno di 5 euro di valide): link alle licenze di Windows 10.

Effettuate ovviamente il pagamento tramite PayPal, così nel caso non doveste ricevere la key funzionante, potete sempre aprire un reclamo e farvi rimborsare.

Come potete vedere dallo screenshot qua sopra c’è anche chi vi vuole vendere la versione Retail (quella con DVD e altro materiale fisico).
Fate una ricerca filtrata per ordine di prezzo e vedrete che la versione OEM vi costerà anche meno di 5.

Come montare partizione EFI su Windows

Lo so che può sembrare una banalità, ma a quanto pare (qui per montare la partizione EFI su Mac) non è così facile per i moderni sistemi operativi, in quanto può compromettere l’avvio corretto del vostro computer.

Questa volta vi servirà un tool che si chiama Explorer++, scaricabile gratuitamente da: explorerplusplus.com

Aprite il Prompt dei comandi ed eseguite

diskpart

Vi si aprirà una nuova finestra con appunto diskpart. Eseguite poi:

Una volta montato, potrete vederlo da Esplora risorse come un normale disco.
Questo però non sarà scrivibile… ecco perché ora entra in gioco Explorer++.

Eseguitelo con i permessi di amministratore e spostatevi nel disco con lettera W! E voilà, avrete la vostra partizione EFI anche su Windows!

Se volete eliminarla, qui ho scritto un articolo in merito.

Come connettere un NAS su Windows

Per avere le cartelle condivise dal NAS (o da un Raspberry Pi) connesse come fossero dei dischi esterni.

Vi basterà aprire Esplora risorse e cliccare con il destro su Questo PC e poi su Map network drive...

Dopo dovrete inserire l’indirizzo IP (probabilmente preceduto da un SMB:\\ se state usando Samba e nel caso non sappiate come installarlo su Raspberry Pi, seguite questa guida).

D’ora in poi, appena il vostro computer si connetterà alla rete locale, si connetterà direttamente alla cartella condivisa e vi verrà mostrata come fosse un disco direttamente collegato al vostro PC.

Come provare Microsoft 365 Developer gratis

Sì, proprio così, potete provare Microsoft 365 Developer Program gratuitamente iscrivendovi al sito: https://developer.microsoft.com/en-us/microsoft-365/dev-program per un tempo limitato.

Potrete usufruire di Office completo e OneDrive con spazio illimitato! Più tantissimi altri servizi pensati apposta per gli sviluppatori e le aziende.

Ah comunque giusto per chiarire: è lo stesso programma che spesso i venditori eBay spacciano come Office per sempre o OneDrive illimitato.

Fate quindi attenzione quando acquistate da inserzioni che vi vendono questi servizi a pochi euro perché potete averli gratuitamente (ovviamente per un periodo di tempo limitato).

Come scaricare macOS da Windows

Con l’utility gibMac che potete trovare su GitHub la procedura è davvero semplice.

Vi basterà eseguirlo (potrebbe darvi qualche errore Windows Defender) e selezionare la versione di macOS che vi serve.

Una volta selezionato, lo script procederà a scaricare direttamente dai server Apple la versione che avete scelto.
Può essere utilissimo nel caso abbiate un Mac che non funziona o dovete ripristinarlo da zero.

Come installare il Microsoft Store

Nel caso abbiate installato Windows 10 LTSC, la versione Enterprise senza i bloatware, quindi anche senza il Microsoft Store e ora volete comunque utilizzarlo, la procedura è abbastanza semplice.

Su GitHub è presente una repository con all’interno diverse utility per poter installare il Microsoft Store:

https://github.com/kkkgo/LTSC-Add-MicrosoftStore

Non dovrete far altro che scaricarlo offline ed eseguire il file .cmd con i permessi di amministratore!