di

Quanto consuma un Raspberry Pi sempre acceso

Dipende. Com’è ovvio che sia, dipende da quello che gli fate fare 24 ore su 24.

I conti che potete farvi hanno un margine d’errore enorme ma comunque può farvi capire quanto sia interessante avere un piccolo tutto fare sempre acceso “che fa cose”.

Prima di tutto dipende dal modello di Raspberry Pi, dal tipo di alimentatore e se proprio vogliamo: anche dalla lunghezza del cavo (online si trovano personaggi discutibili che considerano anche quello come resistenza, ma direi che è un calcolo non troppo educativo).

Ti piace? Puoi acquistarlo sui 35-40 euro da qui

Il modello 3 e 3+ hanno bisogno di un alimentatore da 2.5A (ma anche 2.1 sembra andar bene) controllate qua https://www.raspberrypi.org/help/faqs/#powerReqs le richieste in base al vostro Pi. In ogni caso, a occhio e croce con un costo della corrente al kWh di circa 20 centesimi, se un Raspberry Pi in idle consuma dai 3W ai 5W la divisione è semplice:

3W circa 2 kW al mese, quindi 40 centesimi
5W circa 3.6 kW al mese, cioè 72 centesimi

Ovviamente più cose gli fate fare (può raggiungere picchi più alti ma conta in media come si comporta), più periferiche avete attaccato alla porta otg/usb, più il Raspberry consumerà, ma comunque è di molto lontano da un consumo di un computer con alimentatori sulle 50-100 volte più potenti (in termini di consumi).

Vi ricordo che il consumo in W viene calcolato dal voltaggio moltiplicato per l’amperaggio, quindi 1A*5V = 5W. E il consumo in kWh significa 1kW=1.000W ogni ora, quindi se una cosa consuma 10W e sta accesa per 1 ora intera, per fare 1 kWh dovrà star acceso 1.000Wh/10W=100 ore.